Tumori Urologici Candiolo

Trattamento del tumore renale avanzato/metastatico

In caso di riscontro di malattia metastatica alla diagnosi, la prognosi del paziente risulta essere peggiore rispetto alla malattia localizzata.

Oggigiorno nuovi farmaci che agiscono selettivamente sulle cellule tumorali e che controllano la progressione di malattia possono risultate utili in questa specifica situazione.

Il trattamento della malattia metastatica può includere sia il trattamento chirurgico che la terapia medica.

Trattamento del tumore renale avanzato/metastatico

La Nefrectomia Citoriduttiva

L’intento curativo della nefrectomia può essere raggiunto solamente quando essa risulta radicale, il che significa che la neoplasia viene totalmente rimossa. 

Nei restanti casi, cioè quelli con malattia metastatica, la nefrectomia ha uno scopo palliativo e viene chiamata “nefrectomia citoriduttiva”.

In passato la nefrectomia citoriduttiva veniva sempre consigliata, oggigiorno, alla luce di nuovi studi clinici, e della disponibilità di nuovi farmaci, il suo ruolo è dibattuto, e quando viene indicata solitamente è preceduta o seguita da una terapia medica di consolidamento.

Trattamento chirurgico delle metastasi

Lo scopo del trattamento chirurgico delle metastasi del carcinoma renale è quello di migliorare la qualità di vita del paziente e la prognosi

I pazienti che rispondono bene alla terapia medica e che hanno un buon performance status, in caso di lesioni tecnicamente resecabili, possono essere dei buoni candidati alla chirurgia delle metastasi.

Questa è infatti un’opzione nei pazienti con residuo di malattia e la presenza di metastasi voluminose.

Va sottolineato che nei pazienti con metastasi cerebrali o metastasi ossee non resecabili, la radioterapia mirata va considerata.

Carcinoma del rene a cellule chiare metastatico
Carcinoma del rene a cellule chiare metastatico

Scopri altri trattamenti per il tumore del rene


dr. Enrico Checcucci Urologo

dr. Enrico Checcucci
Dirigente Medico Urologo presso il Dipartimento di Chirurgia e Coordinatore del Gruppo Interdisciplinare di Cure per le Neoplasie Urologiche dell’IRCCS Istituto di Candiolo, Torino.