Tumori Urologici Candiolo

Il tumore della vescica richiede, in tutte le fasi di gestione della malattia, un approccio multidisciplinare: all’Istituto di Candiolo tale approccio è garantito da un team di diversi specialisti, appartenenti ai vari dipartimenti clinici e chirurgici dell’Istituto, che compongono il Gruppo Interdisciplinare di Cure (GIC) dedicato a questo tumore.

Ne fanno parte l’urologo, il radiologo, l’anatomo-patologo, l’oncologo, il radioterapista e l’infermiere specializzato. Per meglio gestire la malattia possono essere coinvolti anche altri specialisti come il fisiatra, l’andrologo, il nutrizionista, lo psico-oncologo, il fisioterapista, il geriatra, lo specialista di terapia del dolore.

Il Gruppo Interdisciplinare assicura la presa in carico di ogni paziente per tutto l’iter diagnostico-terapeutico, comprese la prescrizione e la prenotazione degli esami e la comunicazione con il malato e con i suoi familiari. Ma soprattutto il Gruppo interdisciplinare definisce e condivide un precorso di cura personalizzato per ogni paziente, basato non solo sulla tipologia e lo stadio del tumore ma anche sulle caratteristiche del paziente stesso, per garantirgli il risultato migliore dal punto di vista sia oncologico sia funzionale e il mantenimento di una buona qualità di vita.

Il Gruppo inoltre lavora in stretta collaborazione con i ricercatori dell’Istituto, per garantire ai pazienti un rapido accesso alle novità prodotte dalla ricerca nello screening, nella diagnosi e nelle terapie.

Tumore della Vescica all'IRCCS Istituto di Candiolo

Diagnosi e Stadiazione

Il paziente con sospetto diagnostico di neoplasia vescicale può eseguire l’intero percorso diagnostico presso l’IRCCS di Candiolo.

Terapie per il Tumore della Vescica

Dopo la conferma della diagnosi, gli specialisti del Gruppo Interdisciplinare si riuniscono e valutano una serie di fattori per pianificare un percorso di cura personalizzato per il paziente, che varia a seconda dello stadio e dell’aggressività del tumore ma anche in base all’età e allo stato di salute del paziente.

Per i tumori di tipo superficiale, le cure prevedono di solito l’eliminazione del tumore per via endoscopica (resezione transuretrale), seguita eventualmente da chemioterapia o immunoterapia, somministrate direttamente all’interno della vescica, per ridurre il rischio che la malattia si ripresenti.

Per i tumori infiltranti, più aggressivi e che hanno invaso lo spessore della parete della vescica, l’intervento endoscopico non è sufficiente; la cura quindi prevede una fase iniziale (adiuvante) di immunoterapia o chemioterapia, per ridurre al massimo le dimensioni della malattia, e successivamente, dopo circa tre mesi, l’intervento chirurgico di asportazione della vescica (cistectomia) oppure la radioterapia.

Per i tumori avanzati e metastatici esistono diverse possibilità di cura che includono chemioterapia, immunoterapia e trattamenti per alleviare i sintomi.

Per alcuni pazienti selezionati, affetti da tumori particolarmente aggressivi e per i quali le terapie standard non si fossero rivelate efficaci, esiste anche la possibilità di ricevere terapie sperimentali all’interno di studi clinici condotti dai ricercatori dell’Istituto. Nel caso in cui questa opzione venga considerata praticabile dal Gruppo Interdisciplinare, sarà proposta e spiegata al paziente con il quale verrà presa una decisione condivisa.

Cure e Servizi di Supporto

Gestione degli effetti indesiderati collaterali

Tutte le cure oncologiche comportano effetti collaterali che impattano più o meno pesantemente sulla qualità di vita del paziente. I trattamenti per il tumore della vescica, soprattutto l’asportazione della vescica nei casi di tumore infiltrante, comportano effetti collaterali importanti che cambiano la modalità di affrontare la vita quotidiana.

I medici e gli infermieri del team multidisciplinare sono a disposizione del paziente per fornirgli tutto il supporto necessario a gestire i diversi effetti collaterali che dovrà affrontare sia nel percorso di cura sia nella ripresa delle normali attività.

In particolare, ai pazienti che hanno subito la cistectomia, vengono fornite tutte le nozioni e l’assistenza su come gestire la derivazione urinaria esterna o la neovescica e viene offerto un percorso di riabilitazione per il pieno recupero delle funzioni urinaria e sessuale.

Supporto psicologico

L’impatto del tumore della vescica nella vita di una persona riguarda anche la sfera psicologica: ammalarsi di cancro infatti è sempre un avvenimento traumatico che investe tutte le dimensioni della persona e che può generare ansia, paura, rabbia, depressione.

Oltre a ciò il paziente con tumore della vescica a volte deve anche affrontare disfunzioni sessuali e problemi di incontinenza che possono compromettere ulteriormente la sua autostima. 

Accanto alle terapie d’avanguardia, nel percorso terapeutico e assistenziale del tumore della vescica deve quindi esserci sempre anche un supporto di tipo psicologico che aiuti il paziente a gestire, oltre al dolore fisico, anche quello psicologico.

Per questo all’Istituto di Candiolo ad ogni paziente che ne necessita è offerto un supporto psicologico qualificato, che lo aiuta ad affrontare positivamente la diagnosi, le cure e gli effetti collaterali delle terapie e a ridefinire il proprio ruolo sociale e lavorativo.

È possibile partecipare anche a gruppi di sostegno psicologico per confrontarsi con altre persone che hanno vissuto o vivono la stessa esperienza.

Cure continue e cure palliative

Il paziente oncologico è un paziente complesso che necessita di un supporto multidisciplinare per la gestione, non solo della sua patologia, ma anche di tutte le situazioni ad essa associate.

All’Istituto di Candiolo, per i pazienti che ne necessitano o che lo richiedono, sono a disposizione specialisti di diverse discipline per offrire: 

Assistenza sociale

Il Servizio Sociale dell’Istituto di Candiolo effettua colloqui di informazione e orientamento ai pazienti e ai loro familiari su come accedere ai servizi del territorio e su come ottenere le prestazioni assistenziali e previdenziali previste dalla legge (invalidità, agevolazioni per ausili e protesi, congedi lavorativi ecc.).

Il servizio è attivo il mercoledì e il venerdì dalle 9.00 alle13.00 (telefono: 011.993.3059).

>> Scopri di più sul Programma Multidisciplinare del Tumore della Vescica all’Istituto di Candiolo


IRCCS Istituto di Candiolo
Fondazione del Piemonte per l’Oncologia
Strada Provinciale, 142 -KM 3.95
10060 Candiolo, Torino
Tel. +39 011 9933111
www.irccs.com